26
Lun, Set
89 New Articles

Serie A: che spettacolo per un posto in Champions!

A poche giornate dalla fine, con ancora tanti scontri diretti, ci sono sei squadre in corsa per soli tre posti in Champions. Dietro l’Inter capolista (ormai ad un passo dalla vittoria dello scudetto), Milan, Juventus, Atalanta, Napoli, Lazio e Roma sono racchiuse in nove punti, tutte alla caccia di un posto nella competizione europea più prestigiosa, la Champions League. Il calendario mostra ancora molti scontri diretti che potranno decidere le sorti di questa corsa e solo chi sarà arrivato a questo momento nelle migliori condizioni riuscirà ad arrivare tra le prime quattro classificate. DI sicuro, quest’anno più di altri, nonostante la pandemia, il calcio italiano sta dando spettacolo.

Montecarlo è azzurra!

Giornata storica per il tennis italiano a Montecarlo: Caruso, Travaglia, Cecchinato e Fabbiano si sono qualificati per il tabellone principale del Masters 1000 monegasco, portando a nove gli azzurri nel main-draw, aggiungendosi ai già presenti Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Jannik Sinner, Lorenzo Sonego e Lorenzo Musetti. Questa spedizione italiana è la più numerosa mai registrata in un torneo ATP 1000, segno di una grande crescita dell’Italia in questo sport, che sta mettendo in luce soprattutto giovani davvero promettenti. Speriamo che questo torneo sia solo l’inizio di un grande cammino di questi ragazzi, che possa portare a grandi soddisfazioni.

Milano ai Playoffs di Eurolega

Nel basket l’Olimpia Milano conquista i playoffs di Eurolega dopo sette anni, qualificandosi al quarto posto alla fine della regular season. Una storica cavalcata dell’allenatore Ettore Messina e dei suoi giocatori, che ora dovranno vedersela con il Bayern Monaco ai quarti di finale con il sogno delle Final Four che si fa sempre più vivo. Intanto in territorio italiano, nonostante la sconfitta dell’ultimo turno, Milano è ancora al primo posto a pari merito con Brindisi. Dovrà perciò fino a fine stagione, avere una marcia in più, giocandosi ogni partita come se fosse una finale per cercare di vincere sia in Italia sia in Europa.

L’Italia piange Massimo Cuttitta

È venuto a mancare, all’età di 54 anni, a causa di complicazioni legate al Covid-19, lo storico pilone della Nazionale italiana degli anni ’90, uno dei più forti rugbisti italiani di sempre. Originario di Latina, fu uno degli uomini simbolo che fece guadagnare all’Italia un posto nel torneo più prestigioso, il Sei Nazioni, di cui tutt’ora la Nazionale azzurra fa parte. Da giocatore aveva indossato le maglie de L’Aquila, Amatori Calvisano, Milan, per poi trasferirsi all’estero per giocare con gli Harlequins di Londra; lavorò anche successivamente nello staff tecnico delle nazionali di Scozia, Canada, Romania e Portogallo. Massimo, detto “Mouse” ha lasciato un vuoto in tutta la Federazione Italiana, che ha voluto ricordarlo come un simbolo dell’Italia di Rugby degli anni ’90.

Dopo rinvii, slittamenti e sospensioni ripartirà (per ora solo sulla carta) con una formula ridotta il campionato di serie D di basket, in pratica un campionato regionale dimezzato rispetto a quello che doveva essere da novembre in poi.

Non ci saranno però i ragazzi del Basket 2000 Nichelino. Proprio nel primo anno di partecipazione a quello che era il massimo campionato finora raggiunto, i giallo-neri del presidente Danilo Guidolin hanno deciso di gettare la spugna: troppi problemi organizzativi, economici e di squadra per un torneo che durerà poco più di tre mesi. Un vero peccato per i “Knights”, considerato che con il roadster allestito lo scorso autunno si pensava di puntare in alto, nonché un’occasione persa per tutto il movimento cestistico cittadino. Purtroppo stanno venendo a galla tutte le problematiche che la pandemia ha sbattuto in faccia alle piccole società sportive. Non resta che tenere duro per cercare di arrivare nel miglior modo possibile all’inizio della prossima stagione.

Altri articoli...