17
Mer, Apr
98 New Articles

Approfondimenti

Grid List

È possibile oggi avere un pensiero che si discosti da quello “comune”, indotto dal martellamento mediatico?

Leggi tutto...

Forse per i più la Coppa d'Africa è stata un evento sportivo passato in secondo piano, ma per chi segue un po' più da vicino le vicende di quel Continente

Leggi tutto...

Prosegue anche in Piemonte il dibattito sulla legalizzazione del suicidio medicalmente assistito.

Leggi tutto...

“Scusa mamma, ma è ormai la terza volta che metti le tazze sul tavolo per poi rimetterle a posto. Ti è successo qualcosa, me ne vuoi parlare mentre ci prendiamo il caffè?”

Leggi tutto...

Da alcuni anni il Burkina Faso è nel mirino del terrorismo di matrice islamica.

Leggi tutto...

Promesse e progetti tanti. Generazioni di pendolari sono transitate: operai e impiegati sono andati in pensione, gli studenti hanno finito da tempo l’università, ma per la linea ferroviaria Torino – Pinerolo e per i passeggeri di oggi. poco o nulla è cambiato.

Leggi tutto...

Un’emittente televisiva francese ha dovuto fare pubblica ammenda e cospargersi il capo di cenere per aver pubblicato i dati di un grafico in cui risulta che nel mondo l’aborto è la prima causa di morte, seguita a notevole distanza dalle malattie cardiovascolari. I numeri erano veri, ma Macron e compagnons si sono indignati per il semplice fatto che questi dati siano stati diffusi. La Francia è il primo paese ad aver introdotto nella Costituzione il diritto all’aborto.
Leggi tutto...

A Pisa, nobile città della cultura italiana, Angelo Menciassi era un insigne professore di Teologia all’Istituto Teologico di Santa Caterina. Anch’io sono tributario della Città che Dante mandò all’inferno definendola “vituperio delle genti”. A me però non vituperò affatto la città della torre pendente con la Sapienza che distribuiva il mio caro professor Menciassi, visto che fui anch’io suo allievo dalla pagella appena sufficiente… prima infatti pilotavo aeroplani.
Leggi tutto...

Ai miei tempi di guerra per ascoltare l’arrivo degli aerei incursori, invece del radar (che non possedevamo) c’era uno strumento posizionato vicino ai cannoni dell’antiaerea, puntata verso il cielo con una serie di imbuti rovesci. Lo scopo era quello di percepire il rumore dei motori in lontananza per capire quanti e quali velivoli si stessero avvicinando. Questo apparecchio si chiamava “aerofono”.

Leggi tutto...

Google Map è intelligente e sa un sacco di cose, ma quando si tratta di descrivere il centro di Nichelino va in crisi.

Leggi tutto...

Quasi il 60% dei bambini tra i sei e i dieci anni possiede un cellulare personale.

Leggi tutto...

Quante volte andiamo al supermercato e compriamo quasi meccanicamente il cibo che ci serve senza guardare e soppesare quanto acquistiamo!

Leggi tutto...

Grani di sale

Il nostro canale whats app

L'archivio del giornale online

In rete tutti i numeri dal 1977

Previsioni locali