29
Mer, Mag
125 New Articles

In via Cuneo passava la "S-cionfetta"

C'era una volta
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

A Nichelino oggi pochi sanno che sul ponte del Sangone in via Torino e in via Cuneo transitava il trenino a vapore

Torino-Saluzzo, una linea tranviaria interurbana a scartamento ridotto, per la maggior parte del percorso in sede promiscua con la strada carrozzabile. Dal 1881 al 1950 lo sbuffante trenino collegò Saluzzo e Carmagnola: a Nichelino infatti lo chiamavano la “s-cionfëtta”. Ecco una bella poesia di Orazio Ottaviani, tratta dal suo libro Poesìe piemontèise, pubblicato da Ël Torèt/Monginevro Cultura.  

LA S-CIONFËTTA

Dzora ij binari an via Coni al Niclin

a-i passava ‘d Salusse ‘l trenin:

a smijava ‘n mostro, a spuvava

‘d fiame e ‘d fum dal camin

e a brajava: ciof- ciof-ciof.

Quand che a fasìa la montà

për passé sël pònt dël Sangon,

a s’anrabiava, a smiava mat!

Ma quand che a-j tacavo ‘dcò

ij vagon pien ëd patate,

le roe a fasìo le spluve

e a sghijavo sij binari;

antlora a tornava andaré

e ij viagiator a dësmontavo

e... a lo possonavo.

Pòver trenin ëd Salusse

che umiliassion:

a l’era pròpi na s-cionfëtta.

Quand a travërsava la stra

a-i era n’òmo vestì ‘d gris

con un capel da ufissial,

con na man a svantava

na bandierin-a rossa

con l’àutra a portava

na trombëtta a la boca

che a fasìa pé-pe- pere-pé-pe...

A cola trombëttà

tuti as fërmavo

për lasselo passé.

Cost-sì a l’era ‘l semàforo

dij bej temp passà.

Vej trenin ëd tanti ani fà,

vàire rijade it l’avìe fame fé

Orazio Ottaviani

 

Traduzione

Sui binari in via Cuneo a Nichelino/passava il trenino di Saluzzo / pareva un mostro, sputava / fiamme e fumo dal camino / e urlava: ciuf, ciuf, ciuf.

Quando faceva la salita per attraversare il ponte sul Sangone / s’arrabbiava e sembrava matto!

Ma quando ci agganciavano anche i vagoni pieni di patate / le ruote facevano scintille / e slittavano sui binari; / allora tornava indietro / e i passeggeri scendevano / … e cominciavano a spingerlo.

Povero trenino di Saluzzo / che umiliazione / era proprio una “s-cionfëtta”.

Quando attraversava la strada / c’era un uomo vestito di grigio / con un cappello da ufficiale / con una mano sventolava / una bandierina rossa / con l’altra portava / una trombetta alla bocca / e suonava pé-pe- pere-pé-pe...

A quello squillo di tromba / tutti si fermavano / per lasciarlo passare.

Questo era il semaforo dei bei tempi andati.

Vecchio trenino di tanti anni fa / quante risate mi hai fatto fare.