29
Mer, Mag
125 New Articles

Un salone al femminile

Incontri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Vita immaginaria” è il tema della XXXVI edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino che si svolgerà da giovedì 9 a lunedì 13 maggio nei padiglioni di Lingotto Fiere.

Sarà un Salone dall’imprinting femminile a iniziare dal “titolo” che fa riferimento ad un testo di Natalia Ginzburg, amato da Annalena Benini, per la prima volta al timone della kermesse letteraria. La manifestazione aprirà i battenti con la lectio di Elizabeth Strout, una delle autrici più incisive della letteratura contemporanea americana.

La neodirettrice come il testo della Ginzburg sia stato per lei molto importante: “racconta come la vita immaginaria muova la vita creativa e spesso riesca a predire quello che poi succede nella vita reale. E questo è un po’ il nostro desiderio”.

Sono due i grandi temi trattati quest’anno: “Verrà raccontato il mondo in movimento attraverso la vita e le imprese di scrittrici, filosofe, poete, scienziate che continuano ogni giorno a cambiare la storia con la forza della voce e del talento, e attraverso sguardi sul presente, che riguardano la realtà, ma anche la vita immaginaria, in tutte le sue forme”.

Femminismo e violenza di genere; “donne, lavoro e libertà” sono tra grandi questioni affrontate. Interverranno anche Dacia Maraini e Daria Bignardi. Grande è l’attesa poi per Gino Cecchettin, che presenterà “Cara Giulia - Quello che ho imparato da mia figlia”.

Molti saranno i momenti celebrativi in cui saranno ricordate le donne del passato: Natalia Ginzburg, nei cinquant’anni dalla pubblicazione di Vita immaginaria; Emily Dickinson, Virginia Woolf. Michela Murgia sarà ricordata anche con le parole di Roberto Saviano.

Il secondo grande tema, trasversale a tutto il programma del Salone, sarà lo sguardo sulla società e sul nostro presente: l’attualità nel mondo dei giovani e degli adulti; guerra, pace e migrazioni.

Sarà il salone che sancisce il ritorno all’incontro fisico - ha dichiarato la neodirettrice Benini - Spero davvero che sia una festa per i lettori, per gli editori, per gli autori e spero che ci si accorga della cura con cui sono stati creati e pensati questi incontri”.

Sono sette le sezioni previste, che affiancano la programmazione generale, con altrettanti curatori: arte, cinema, editoria, informazione, leggerezza, romance e romanzo.

Luciana Littizzetto, curatrice della sezione “Leggerezza”, esplorerà la leggerezza nella scrittura televisiva, nei testi comici, nel varietà con i suoi ospiti: il nichelinese Luca Bianchini e gli scrittori dalla vena ironica Alessia Gazzola, Stefania Bertola e Diego De Silva, ma anche Gianni Morandi.

Sono attesi l’artista Monica Bonvicini, celebre per le sue installazioni, la gallerista Francesca Cappelletti, la scrittrice Alexandra Lapierre, l’archeologo, storico dell’arte e curatore di mostre Salvatore Settis. Dal mondo del cinema: Mario Martone, la regista Francesca Archibugi e l’attrice Jasmine Trinca, Paolo Sorrentino e Valeria Golino.

Ci sono circa duemila eventi in calendario in uno spazio arricchito da un nuovo padiglione “per dare la possibilità a nuovi editori, soprattutto ai piccoli editori, di far parte di questa grande festa dell’editoria”, aggiunge Benini. Il padiglione n. 4 sarà uno spazio temporaneo costruito all’esterno per dare maggiore visibilità alla programmazione del Bookstock dedicato alla formazione, alla sperimentazione e allo scambio tra generazioni.

In questa edizione debutta la “lingua ospite”, ossi quella tedesca: scelta che pare un preludio di quella che sarà la veste dell’Italia nel prossimo ottobre al salone del libro di Francoforte.

Se si sono spenti i riflettori sul “Paese ospite”, non manca all’appello, invece, la regione: la Liguria. Interverranno Gino Paoli, Elisabetta Pozzi e Federico Sanguineti, interpreti d’eccezione di Montale, Sbarbaro, Sanguineti, Caproni. Ci saranno anche Elisabetta Villaggio ed Enzo Paci per rimembrare il mondo di Fantozzi.

Il Salone del Libro sarà anche l’occasione per celebrare importanti ricorrenze: due appuntamenti saranno dedicati all’ottavo centenario della morte di San Francesco d'Assisi.

Gli editori cattolici, riuniti in UELCI (Unione Editori e Librai Cattolici Italiani), insieme alla diocesi di Torino proporranno al Lingotto alcuni incontri per ricordare alcuni testimoni contemporanei della fede e della pace: Paolo Dall’Oglio, i monaci martiri di Tibhirine, il cardinale Carlo Maria Martini, Madeleine Delbrêl, Luigi Bettazzi e Giorgio La Pira.

Il programma completo del XXXVI Salone Internazionale del Libro di Torino è consultabile sul sito www.salonelibro.it

Eliana Cerchia