17
Sab, Nov
59 New Articles

20 mila spettatori al 1° Sonic Park

Società e cultura
Typography

E' stato un successo il festival organizzato nella location della Palazzina di Caccia tra fine giugno e prima metà luglio.

Sei concerti, 20 mila spettatori paganti, alcune tra le più celebrate stelle del firmamento del rock mondiale, da Jeff Beck ai Deep Purple, e il colpo d’occhio che dal palco di 300 mq andava diritto verso la residenza sabauda. Numeri a parte, la prima edizione del Stupinigi Sonic Park è stata gradita dal variegato pubblico che ha assistito alle esibizioni del musicisti nostrani e stranieri. Organizzato da Reverse e promosso dalla Città di Nichelino e Sistema Cultura, con il patrocinio di Regione e Camera di Commercio ed in collaborazione con Consorzio Residenze Reali Sabaude e Piemonte dal Vivo, Stupinigi Sonic Park è stato il frutto di un impegno durato diversi mesi in cui i vari attori hanno profuso tutte le energie necessarie per far nascere un evento musicale importante in un luogo assolutamente nuovo e dal punto di vista ambientale ed architettonico veramente particolare. Una scommessa vinta dagli organizzatori della Reverse e dall’amministrazione comunale che potranno fare tesoro di questa prima positiva esperienza per migliorare dove possibile e proporre, la prossima estate, un cast che possa dare ancora maggiore visibilità e lustro al festival del parco di Stupinigi.

Tornando alla musica, si è rivelata vincente la scelta del mix tra italiani e stranieri, tra le leggende Jeff Beck, Steven Wilson e gli epigoni dell’hard rock, quei Deep Purple guidati dal front-man e cantante Ian Gillan (magari con una voce non più in grado di cantare Child in time, considerati i suoi 73 anni) che hanno regalato brividi e, dall’altro lato artisti come l’americana LP e i nostrani Negrita e Caparezza, capace quest’ultimo di regalare uno spettacolo di puro divertimento con il gruppo The Minis e le sue coreografie stravaganti ed originali.

Un’esperienza musicale ed aggregativa positiva, condita anche da street food di qualità che ha senz’altro contribuito ad elevare il tono complessivo della manifestazione. Da registrare qualche critica, proveniente dal mondo ambientalista, sulla scelta di allestire un'arena rock in un area naturale protetta.