24
Ven, Gen
47 New Articles

La Giornata dei nati prematuri

Etica
Typography

Quando abbiamo visto la nostra nipotina, che il 19 maggio ha avuto tanta fretta di venire al mondo, sorridere e interagire con mamma e papà come mai aveva fatto prima, abbiamo pianto di gioia.

Ci siamo visti e rivisti il video, quasi increduli, pensando a quando è nata: uno scricciolo di 900 grammi, poco più grande di una mano. Un vero miracolo e se il nostro piccolo grande tesoro è sopravvissuto, lottando con forza e tenacia come una vera guerriera, dimostrando una grande voglia di vivere, dobbiamo ringraziare tutto lo staff del TINO (reparto di terapia intensiva neonatale) del Sant’Anna di Torino. Tutti gli operatori (neonatologi, psicologi, terapiste della neuro psicomotricità e infermiere pediatriche) con la loro grande professionalità e straordinaria umanità hanno permesso tutto ciò.

Un ringraziamento particolare alla Onlus “Crescere Insieme al Sant’Anna” che affianca le famiglie nel difficile percorso di assistenza ai loro bimbi, curando la nascita di reparti sempre più adatti alla loro accoglienza perché, come sostiene il prof. Farina, Primario del reparto, “prima si cercava di far sopravvivere i bimbi nati prematuri, oggi si fa di tutto per farli vivere bene insieme alle loro famiglie”. Preziosa e indispensabile nella Fondazione la presenza di ex genitori del TINO che, oltre a condividere la loro esperienza, sostengono emotivamente e praticamente i genitori dei bimbi ricoverati.

Un grazie di cuore ai genitori della nostra nipotina che hanno saputo affrontare un cammino difficile con grande responsabilità e serenità: speciali e straordinari, crescono ogni giorno insieme alla loro piccola, prendendosene cura e donandole fiducia incondizionata.

Proprio domenica 17 novembre si celebra la giornata mondiale dei prematuri, evento riconosciuto dal Parlamento Europeo e istituito per richiamare l’attenzione sui temi riguardanti la prematurità.

I nonni L. e F.