21
Mer, Ago
11 New Articles

Un monumento in memoria del Grande Torino

Personaggi
Typography

Nelle celebrazioni in memoria del Grande Torino in occasione del 70° anniversario della tragedia di Superga anche Nichelino ha lasciato un’impronta.

Il programma delle manifestazioni si è aperto il 2 maggio con la toccante cerimonia di inaugurazione di un monumento al campo volo dell’Aeritalia, l’aeroporto di Torino dove sarebbe dovuto atterrare l’aereo sul quale viaggiava la squadra granata. Uno dei progettisti del monumento, che raffigura lo stemma del Toro e la Mole Antonelliana, è il nichelinese Dino Favaro, socio dell’Aero Club. Ai piedi del cippo commemorativo, collocato ai bordi della pista nel giardinetto davanti alla torre di controllo, è stata apposta la foto della squadra degli “invincibili”.

Colgo l’occasione per ringraziare, a nome dell’Aero Club Torino, don Paolo Gariglio e don Riccardo Robella, entrambi nichelinesi, che hanno partecipato all’iniziativa ed hanno impartito la benedizione al monumento, rispettivamente in veste di cappellano dell’Aero Club e di cappellano del Torino Calcio”, dice Dino Favaro. Don Riccardo, che è parroco a Nichelino, ha poi seguito la lunga giornata del 4 maggio celebrando la Messa di suffragio nel Duomo di Torino, alla presenza di una grande folla, dei familiari delle vittime, dei dirigenti, dei tecnici e della squadra attuale al completo, guidata dal presidente Urbana Cairo; ai piedi dell'altare si sono assiepati i ragazzi delle giovanili del Toro.

Un gesto simbolico prima dell’omelia: don Riccardo ha lasciato cadere a terra un vaso che è andato in mille pezzi e ne ha distribuito i cocci. Il destino del Grande Torino: "Tutti devono portare nel cuore un coccio di quella squadra – ha detto don Riccardo - che non potrà rinascere, ma potrà risorgere. A ognuno spetta il compito di ricomporre quel vaso pieno di grandi valori, ricordando però che nessuno è portatore esclusivo della memoria, che va condivisa".

La folla granata è poi salita come ogni anno a Superga, dove capitan Belotti ha letto tra la commozione generale i nomi delle 31 vittime della tragedia.