05
Gio, Dic
65 New Articles

Riccardo Lasero e "La giostra delle illusioni"

Persone e anniversari
Typography

A Riccardo Lasero sta dando belle soddisfazioni il primo album da solista.

Si intitola “La giostra delle illusioni”; quest’estate ha raggiunto il terzo posto fra gli album pop più venduti su Google Play Music ed il sesto posto in classifica generale. Si è trovato insomma accanto a nomi famosi in quella che è ormai la più aggiornata “hit parade” sancita dal web.

Riccardo Lasero, che adesso vive a Bologna, resta molto legato a Nichelino, la città dove è cresciuto, e dove torna spesso per venire a trovare suo padre e gli amici.

L'album contiene 13 canzoni originali, alcune delle quali già affidate precedentemente ad altri interpreti. E’ una nuova tappa nell’intenso percorso musicale di Lasero e segna il ritorno all'attività di solista dopo tante esperienze in veste di autore/compositore, arrangiatore e produttore per altri. E’ una raccolta di brani molto diversi fra loro che però toccano aspetti salienti della sua storia artistica. Si va dall'impegno umanitario di "Adriano" (una ballad dedicata ad un bimbo autistico, che ha ricevuto nel 2016 il Premio Miglior Testo a carattere sociale attribuito dalla band Nomadi) per passare a canzoni di impronta più tipicamente cantautorale. In "Serafino" troviamo anche il ricordo di un amico che non c'è più; in “Ieri” c’è spazio per ricordi e rimpianti della sua adolescenza. In "Resta qui" (coautore il nichelinese Michele Auddino) c’è quasi un bilancio fra le disillusioni della vita, che sfocia in una rinnovata fiducia nel domani grazie ad un nuovo sentimento.

In questo nuovo lavoro, estremamente curato anche negli arrangiamenti, Riccardo Lasero porta tutto il ricco bagaglio della sua esperienza musicale, cominciata in tenerissima età. La musica di "Schiavo di te" risale addirittura al 1989, quando lui aveva 10 anni. A quattordici aveva inciso il suo primo disco (in cui era cantante, batterista, autore ed arrangiatore) e dunque la sua carriera musicale, iniziata a Nichelino, è ormai venticinquennale.

Musica di qualità, anche se lui è spesso rimasto dietro le quinte. La passione, lo studio e la volontà di sperimentare molteplici strade non l’hanno mai abbandonato. Percussionista di talento, nel tempo sono emerse anche le sue doti di autore e di cantante con l’esperienza del duo Lasero - Pianeta. Musica che viaggia per il mondo dal pop alla classica: una sua canzone “Buongiorno Italia” è la sigla di una trasmissione radiofonica in Argentina. Ha composto l’“Himno a San Pedroper coro e orchestra, inno ufficiale della città di Novelda in Spagna; ha realizzato colonne sonore per diversi film e documentari e l’elenco potrebbe continuare a lungo.

Poi c’è il felice capitolo della scrittura di canzoni per bambini che lo ha visto, come autore, tra i finalisti dello Zecchino d’Oro di qualche anno fa e vincitore di importanti festival internazionali all’estero. Comporre musica per bambini è forse la prova più impegnativa per un musicista e anche questa il poliedrico Riccardo Lasero l’ha ben superata.