19
Ven, Lug
95 New Articles

Luce e musica a tutto volume: una iattura per i pipistrelli?

Lettere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In occasione del Sonic Park 2024 una nota della Stazione Teriologica Piemontese pone la questione della tutela dei pipistrelli

nel parco regionale di Stupinigi Nichelino, in particolare di due specie a rischio estinzione.

“Dal 2018, con la sola interruzione del 2020 dovuta alla pandemia il festival Stupinigi Sonic Park impatta sull’area naturalisticamente sensibile del parco storico e della Palazzina di Caccia di Stupinigi nel cuore della stagione riproduttiva di molte specie. Fin dalla prima edizione del festival abbiamo denunciato i rischi che questo comporta per l’ambiente. Tiriamo ora le somme per quanto riguarda la componente dei chirotteri (pipistrelli), di cui, come teriologi, ci occupiamo.

Riteniamo che, a causa del festival, una colonia riproduttiva di vespertilio smarginato sia andata persa e che la specie rinolofo minore si sia localmente estinta o, nella migliore delle ipotesi, abbia subito una grave rarefazione. Inoltre, i dati prodotti dagli organizzatori per sostenere che il festival non ha conseguenze negative non consentono di trarre un bilancio sulle complessive specie, poiché molti chirotteri non sono identificabili con le tecniche di rilevamento applicate (esistono altre tecniche, con le quali si potrebbe colmare tale lacuna).

Particolarmente grave l’impatto sul rinolofo minore, un chirottero che intorno alla metà del secolo scorso ha registrato una forte contrazione demografica e di areale ed è ora valutato, in Italia, ad alto rischio di estinzione. In Piemonte è presente con una popolazione consistente solo in aree meridionali del Cuneese e dell’Alessandrino; osservazioni di esemplari a cavallo fra il Piemonte e la Valle d’Aosta suggeriscono che in tale zona sia presente almeno una colonia della specie, ma in molte altre aree della regione, nonostante ricerche approfondite, il rinolofo minore non è stato più rilevato e si ritiene estinto. Fra le popolazioni residue, dunque, si colloca (o si collocava?) il nucleo demografico di Stupinigi: una popolazione relitta, del cui patrimonio genetico non sappiamo nulla, se non che è (era?) importante in un auspicabile processo di ricongiunzione delle popolazioni superstiti.

Benché consapevole di tutto ciò l’Ente Parchi Reali (gestore del Parco e sito Natura 2000 Stupinigi) ha nuovamente autorizzato lo svolgimento del festival. L’atto autorizzativo (D.D. n. 221, 18/06/24) presenta carenze ed errori sotto il profilo dei contenuti tecnici; addirittura, accetta acriticamente, acquisendolo come documentazione integrativa, un progetto illuminotecnico che ripropone uno scenario per cui gli organizzatori del festival sono già stati ripetutamente sanzionati dall’Ente medesimo”.