11
Sab, Lug
78 New Articles

L'angolo della Poesia

Lettere
F
Typography

Pandemia

Tragica, crudela pandemia

silenssiosa ‘t passe, ‘t contagi

vei e giovo, ma povrji vei

a meuiro da soi senssa na caressa!

     Tumbe forse senssa nom

     marcorda la liberassion

     quand che ‘l Po l’era ros ëd sangh

     e ‘n via Catania an’t un camp

    pì ëd tersent tumbe a j-ero: SCONOSCIUTO!

Me cheur angossà a voreria

ancora sente le cioche

sonè baudëtta o malinconicament

la batùa che fort anunssia ‘n funeral

per na mort natural.

     Mia lunga vita l’ha vist tante

     brute vicende, la guera l’èra paurosa

     teribil i bombardament e la crua rivalità, peui, tra fratei.

     Speranssa che prest a pass la paura!

Valentina Scandalitta

 

 

Traduzione

Tragica e crudele pandemia, passi, contagi vecchi e giovani, ma poveri anziani muoiono senza una carezza!

Tombe forse senza nome, mi viene in mente la Liberazione, quando a Torino il Po era rosso di sangue e in via Catania in un campo più di trecento tombe recavano la scritta: sconosciuto.

Il mio cuore triste vorrebbe ancora sentire le campane a distesa o malinconicamente la campana a martello che scandisce l’annuncio di un funerale per una morte naturale.

La mia lunga vita ha visto tante brutte vicende, la guerra era tremenda, terribili i bombardamenti e poi la cruda rivalità tra fratelli.

La speranza è che presto passi la paura!