21
Lun, Gen
61 New Articles

L'intervista al nuovo parroco don Mario Aversano

Appuntamenti
Typography
“Un Aversano ci lascia… ma un altro ne viene”, è la battuta che circola in questi giorni tra i parrocchiani della Crociera.
Don Antonio, il parroco “uscente”, è nativo di Aversa, provincia di Caserta, mentre don Mario, quello nuovo (il terzo nella storia della comunità di Maria Regina Mundi), di cognome si chiama Aversano e arriverà ufficialmente domenica 9 ottobre.
Lo agganciamo mentre ha appena terminato un ritiro spirituale: “scusatemi, per qualche giorno ho staccato il cellulare ed anche le mail”, ma comunque si coglie al volo che Nichelino è già in cima ai suoi pensieri.

Allora, arriva un altro parroco giovane…

“Beh insomma, a ottobre faccio 42 anni e sono prete da quasi 18. Diciamo che per me la parrocchia è l’esame di maturità, un punto di arrivo…”

Don Mario Aversano è nato e cresciuto a Carmagnola, dove vivono il papà (napoletano), la mamma (sarda) e una sorella. Racconta di sé: “Negli ultimi anni del liceo si riaffaccia improvvisamente il volto di Dio nella mia vita e grazie ad alcuni amici riprendo a frequentare la parrocchia. Al momento di decidere che fare del mio futuro, scopro che Dio aveva in mente un bel progetto ed entro in Seminario”.

E li è rimasto fino a oggi.

“Già, proprio così. Sono stato ordinato sacerdote nel 1999. Dopo una prima esperienza di tre anni come viceparroco nella parrocchia Maria Speranza Nostra in zona Barriera di Milano, ho cominciato il mio servizio nel Seminario Maggiore diocesano come vicerettore e poi come rettore del Seminario Minore, seguendo la comunità propedeutica e facendo il direttore del Centro diocesano vocazioni. E’ stata un’esperienza entusiasmante. Quanti amici, quante persone incontrate in questi anni di ministero! Questo è uno degli aspetti più belli della vita di un prete: poter condividere con altre persone la propria fede, poter annunciare il Vangelo, mettersi in cammino con quanti sono alla ricerca”.

Adesso farà il parroco, qui a Nichelino.

“Sono molto felice di iniziare questa avventura. Per me proprio la parrocchia era il contesto in cui pensavo e speravo di potermi esprimere. Quando il Vescovo me l’ha proposto ho come avuto la percezione di avere di fronte a me già volti noti e amici. Ho accolto questa notizia con vera gioia. Conoscevo già diverse persone di Nichelino”.

Ha qualche progetto in mente?

“Un passo alla volta con calma. Qualche settimana fa ho già incontrato il consiglio pastorale di Regina Mundi e l’èquipe dell’unità pastorale di Nichelino. Mi sono sentito accolto. La prima impressione è stata nettamente positiva, di una realtà ben formata dove le persone avvertono un solido e sano legame con la comunità. C’è un’opera socio-educativa validissima come la scuola d’infanzia; c’è la Casalpina di Prà del Torno che da qualche anno la parrocchia gestisce. Non si parte certo da zero: c’è una comunità viva, cresciuta con don Francesco e don Antonio”.

Don Mario manterrà anche alcuni degli impegni che aveva in precedenza in diocesi: quello di responsabile del Centro regionale vocazioni e quello di direttore dell’Ufficio per la Pastorale della Famiglia, insieme ai coniugi Luca e Ileana Carando.

A Regina Mundi sarà affiancato da un nuovo viceparroco?

“Certamente no. Sarò solo. Arrivo con il mandato di continuare nella logica dell’unità pastorale e di sviluppare ulteriormente la collaborazione tra le quattro parrocchie di Nichelino”.

Insomma, gli operai sono pochi…

“Sì, ma non lo sento come un motivo di angoscia. Intanto sono lieto di poter lavorare fianco a fianco con gli altri tre parroci di Nichelino: don Riccardo era mio compagno di seminario e anche con don Gianfranco e don Fabrizio in precedenza ho già avuto modo di collaborare in diocesi. Questa penuria di preti è un’occasione importante in cui ogni battezzato è chiamato a rispondere del proprio mandato missionario. La ‘Chiesa in uscita’ di cui parla Papa Francesco comporta anche una parrocchia in cui ci si senta meno legati alla persona del parroco”.

Il varo di questo nuovo parroco dunque è per domenica 9 ottobre ore 15,30 (quella domenica nella parrocchia di Regina Mundi ci sarà solo un’altra messa alle ore 8,30). A presentarlo ci sarà il Vicario Episcopale territoriale don Mimmo Mitolo e ad accoglierlo sicuramente tanta gente di Nichelino. Benvenuto don Mario!