14
Gio, Nov
66 New Articles

Difendere l'ambiente con la fun theory

Inchieste
Typography

Chi di voi in questi mesi non si è accorto di Greta? La ragazza svedese sta girando il mondo per “sgridare”

i vari governi responsabili di una politica poco oculata verso l’ambiente con le relative conseguenze sui repentini cambi climatici a cui ci stiamo purtroppo abituando. Il problema però non è causato solo dei potenti, ma anche da noi e dalle nostre azioni quotidiane, come ad esempio la scarsa attitudine alla raccolta differenziata dei rifiuti. In questo campo Nichelino sta cercando di risalire la china, ma restiamo gli ultimi tra i Comuni del consorzio Covar 14.

Spesso non ci rendiamo conto che le nostre abitudini posso essere nocive per l’ambiente, per i nostri figli e per i nostri nipoti e pronipoti. E’ una specificità italiana, perché in molti altri paesi sono più sensibili su questi temi e per raggiungere l’obiettivo non disdegnano di utilizzare strumenti forse un po' bizzarri. Come la “fun theory”, ossia la teoria del divertimento, che si basa su due elementi: la novità rende le cose interessanti e fare qualcosa di divertente ci fa sentire bene. Quando qualcosa è sia nuovo che divertente diventa gratificante e continuiamo a farlo.

Il divertimento è così potente che può trasformare cose banali e apparentemente "noiose" in opzioni interessanti. Basti pensare a come il gioco in APP “PokemonGo!” abbia incitato giocatori normalmente sedentari ad uscire dalle loro case e a correre in giro, senza bisogno di tanti discorsi e lezioni sui benefici di una bella camminata.

Il principio alla base della teoria del divertimento è che il modo più semplice per cambiare il comportamento delle persone in meglio è quello di rendere divertente ciò di cui hanno bisogno. Insomma il divertimento può essere utilizzato anche per scopi seri.

AD ESEMPIO IN GERMANIA

Così all’estero la teoria del divertimento comincia ad essere usata per motivare le persone a fare cose "noiose" anche per quanto riguarda la tutela dell’ambiente. Ad esempio usare una scala normale anziché una scala mobile: a Stoccolma si sono inventati un tipo di “scala musicale” e salire a piedi i gradini è diventato un piacevole passatempo. Su YouTube qualche video clip che illustra altre geniali trovate del genere è diventato virale, come “il contenitore più profondo del mondo” o “The Bottle Bank Arcade Machine”. Tre clip sono state utilizzate nella campagna The Fun Theory, condotta dalla Volkswagen per promuovere auto ecologiche della propria gamma. Ma il successo della campagna è andato ben oltre gli aspetti di marketing. Le persone si divertivano e cercavano di convincere altri ad agire in modo responsabile, a difesa della salute e dell’ambiente. Un altro esempio: l'autovelox che premia coloro che rispettano i limiti di velocità inserendoli in una lotteria con premi in denaro, finanziata dalle multe pagate dai trasgressori. Simpatico… anche se questo sistema lo vedo di difficile realizzazione qui in Italia.

TENGO PULITO E MI DIVERTO

La teoria del divertimento è essenzialmente una forma di condizionamento, un tipo di apprendimento in base al quale il comportamento di un individuo cambia a causa delle conseguenze percepite. Sono cose utili alla collettività (che dovremmo fare comunque) come rispettare le regole, riciclare, non sporcare ecc. Ma l'opzione utilitaristica non basta, perché questi comportamenti richiedono più sforzi e noi siamo tendenzialmente pigri e egoisti.

E se invece quell'opzione fosse divertente? Il divertimento personale diventa una forma di ricompensa. Gli esperimenti dell’azienda tedesca (...le scale, il portabottiglie, il cestino) oltre ad avere una funzione “sociale” richiamavano l'attenzione su se stessi. Costituivano anche proposte innovative in tema di design, arredo urbano e utilizzo dello spazio pubblico.

Chiaro che le buone idee da sole non bastano. Se si progetta un quartiere privo di strutture per la raccolta differenziata e il riciclaggio, con quale probabilità i residenti saranno invogliati a riciclare? Migliorare l’ambiente che ci circonda porta ad una migliore vita cittadina, incoraggia l'interazione sociale e alimenta i valori di una comunità. Bisogna concentrarsi sui comportamenti umano e sulla necessità di modificare le abitudini, senza dimenticare che tutto questo passa attraverso un cambiamento del modo di pensare.

Dobbiamo progettare pensando al divertimento e anche imparare dai nostri errori. Ma quante altre "scosse elettriche" (alluvioni, desertificazioni, catastrofi ambientali, nuove malattie, tumori…) saranno necessarie?

Anche se dimostrassimo che le Fun Theories funzionano, qualcuno potrebbe obiettare che solo queste "scosse elettriche" convinceranno a darsi una mossa.

Comunque la teoria del divertimento sta prendendo piede e non solo in Germania. Nel Regno Unito l’organizzazione Hubbub prevede di ripulire le strade di Londra attraverso la sua campagna #neatstreets. Un progetto consente ai fumatori di votare su vari argomenti inserendo i mozziconi di sigaretta in separati contenitori trasparenti installati in aree pubbliche. Un altro dispositivo suona musica quando viene inserito il mozzicone. Per i masticatori di gomme c’è un gioco di unire i puntini su dei cartelloni appositamente progettati.

Il sogno è che qualcuno inventi un sistema simile per ripulire le strade di Nichelino.

Giuseppe Odetto