13
Gio, Giu
111 New Articles

"Degustazioni teatrali" con un trio di bravissime attrici

Società e cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sta prendendo quota l’esperienza teatrale de “La Fabbrica delle bambole”.

Hanno avuto un buon successo all’Housing Giulia in via Cigna a Torino le serate di “Degustazioni teatrali”, un format che abbinava con il teatro una proposta di degustazioni di vini e promozione di prodotti del territorio.

L’inusuale spettacolo ha messo in evidenza il grande talento e la vis comica di tre giovani attrici: Martina D’Alonzo, Daniela Pezzana e la nichelinese Serena Abbà (nella foto), coadiuvate dalla scenografa Agnese Falcarin, dalla video maker Francesca Gaia Cisotto e da Manuela Andrini.

Se l’originalità, la verve e l’ironia proseguiranno di questo passo certamente “La Fabbrica delle Bambole” non tarderà a farsi conoscere dal grande pubblico. Si tratta di un’associazione di promozione sociale composta da sole donne, che si occupa di formazione, organizzazione di eventi sociali e produzioni teatrali su due binari: per grandi e per piccini. Dopo la pausa causata dalla pandemia l’associazione aveva già portato in scena Te.t.t.e, drammaturgia di Serena Abbà e Martina D’Alonzo,Valentina Gallo: uno spettacolo divertente e allo stesso tempo profondo, composto da quadri che riproducevano il ritmo frenetico della vita contemporanea. L’anno scorso lo spettacolo è stato presentato anche a Roma al Teatro del Vascello.

Durante i periodi di lockdown – spiegano – abbiamo iniziato a navigare in vari mondi: dalla tv commerciale, alla pay tv, tra Netflix, prime video, discovery plus, scoprendo quanto ormai la tv voglia sempre più organizzarti la vita e nonostante tutte le lotte femministe ancora vedere quanto la pubblicità mercifica il corpo femminile per vendere un prodotto. Siamo schiette nel dire che tutto questo ci ha provocato un forte disgusto ed è da qui che è nato il nostro progetto: portare una riflessione aperta e spietata del contesto socio-culturale attuale dove noi viviamo”.