20
Sab, Lug
58 New Articles

Bibbia per tutti - Il libro di Qoelet

Etica
Typography

Il libro di Qoelet non ci dona solo profondissime riflessioni sulla fatica del vivere, ma anche momenti di altissima poesia.

Il primo brano poetico, molto famoso, lo troviamo al capitolo 3 che inizia così: “ogni cosa ha un momento, ogni evento ha il suo tempo sotto il cielo”. Due sono le parole che caratterizzano questo capitolo nel testo ebraico: “zeman” inteso come momento che indica la durata, la stagione, l’ora in cui viviamo e che la bibbia greca traduce con kronos.

L’altra parola è e’t (tempo) che indica il tempo prefissato, l’occasione favorevole, l’istante decisivo stabilito da Qualcuno e che l’uomo deve essere in grado di cogliere e vivere in pienezza: la bibbia greca lo traduce con kairòs: tempo felice, favorevole.

Segue un poema che presenta 14 coppie di tempi e di azioni che si compiono nello spazio della vita per un totale di 28 “e’t” contrapposti, quattro volte sette (il 7 indica la pienezza, il 4 indica la terra), quindi la totalità delle azioni, delle opere e delle fatiche di ogni essere vivente che abita il mondo. Questo inno, capitolo 3 versetti 2 – 8, è molto usato dalle comunità protestanti come canto sacro ed è stato anche, negli anni ’70, cantato con successo da alcuni cantanti e rock band come Joan Baez, Bon Dylan, The Byrds, Mary Hopkins… la canzone in inglese si intitola “Turn turn turn” ed è facile da trovare.“C’è un tempo per nascere e un tempo per morire, un tempo per piantare e un tempo per sradicare, un tempo per uccidere e un tempo per curare,  un tempo per demolire e un tempo per costruire, un tempo per piangere e un tempo per ridere, un tempo per fare lutto e un tempo per danzare… un tempo per tacere e un tempo per parlare, un tempo per amare e un tempo per odiare, un tempo per fare la guerra e un tempo per la pace”.

Negativo e positivo sono sullo stesso piano, ogni cosa ha il proprio istante, l’esistenza umana è scandita da tempi ben precisi e stabiliti. L’uomo non ne esce, è come inscatolato in un movimento a cui non ha dato il via e a cui non può decretare uno stop. Ecco perché Qoelet conclude così questo inno: “quale vantaggio viene all’uomo da tutto ciò che compie con fatica? Quello che accade  è già successo e quello che sarà è già avvenuto”.

Sono riflessioni molto attuali: la crisi di valori che si respirava ai tempi di  Qoelet la viviamo noi oggi. La nostra cultura post industriale è povera di risposte sul senso dell’esistenza, il relativismo ed il disimpegno che impregnano il nostro pensiero ci avvicinano molto alla disillusione di Qoelet.

Scriveva il filosofo Comte (circa un secolo e mezzo fa): “il progresso umano finirà infallibilmente per sostituire alla spiegazione religiosa la spiegazione scientifico-positiva più adeguata al reale e più utile all’uomo. L’uomo sarà felice quando arriverà al grado massimo di scientificità”.

Oggi dopo varie generazioni - per dirla come Qoelet - ci rendiamo conto che la ragione non spiega tutto  e che l’uomo non può trovare risposte agli “e’t” della vita se non si apre al sacro. “Dio ha fatto ogni cosa a suo tempo, ha posto nel cuore dell’uomo una certa visione di insieme, una ricerca di ragione per ciò che Dio compie… Qualsiasi cosa fa Dio dura per sempre” (3,11-14).

E’ vero, passa la scena di questo mondo, tutto è vanità, effimero come dice Qoelet, ma noi sappiamo, come dice San Paolo, che “la creazione sottomessa a vanità geme e soffre fino ad oggi le doglie del parto attendendo la manifestazione dei figli di Dio. Perché nella speranza siamo stati salvati” (Rom. 8.18-25). E se lo spazio e il tempo in cui ci troviamo a vivere a volte sembra non avere né senso né scopo, noi crediamo che tutto il creato è per Cristo ed in Cristo ha la propria consistenza e spiegazione: “per lui sono state create tutte le cose, quelle nei cieli e quelle sulla terra”(Col 1,16). Per l’uomo di fede ogni momento, ogni “e’t”, ha un senso perché “non siamo più noi che viviamo, ma è Cristo che vive in noi” (Gal. 2,20).

Nel libro di Qoelet i capitoli che seguono, dal 4 al 6, vedono il nostro disilluso, anziano sapiente, criticare ferocemente alcuni aspetti della società del suo tempo, critiche che vanno ancora bene ai nostri giorni.

  • La violenza : “Ecco le lacrime degli oppressi e non c’è chi li consoli. Dalla parte dei loro oppressori sta la violenza!”
  • La schiavitù del lavoro: “meglio il poco ma guadagnato con calma che tanto guadagnato con tormento e inseguendo il vento. Meglio essere in due che da soli, perché due hanno maggior vantaggio nel loro lavoro”.
  • La religione: “quando ti rechi al tempio controlla i tuoi passi. Avvicinati per ascoltare piuttosto che offrire sacrifici come fanno gli stolti. Quando parli davanti a Dio non avere fretta con le tue labbra, non essere precipitoso! Meglio non fare voti se poi non puoi mantenerli”.
  • La politica: “se vedi che nel paese il povero è calpestato e la legge e la giustizia sono calpestate, non ti meravigliare!”
  • La ricchezza: “chi ama il denaro mai di denaro è sazio, chi è attaccato alle ricchezze non ne ha mai a sufficienza. Ma come sei uscito nudo dal ventre di tua madre così nudo te ne andrai senza nulla da portare con te”.
  • La fortuna: Qoelet presenta il caso di un uomo che ha molti beni, ma non è capace di goderseli, anzi non sa trovare nessun gusto nel vivere: “un aborto è meglio di lui!”, dice.

Lasciamo, per ora, il nostro Qoelet alle sue riflessioni.

Enrico de Leon