26
Lun, Set
89 New Articles

Il tema di quest'anno è la "rigenerazione"

Incontri
F
Typography

A Torino torna Terra Madre - Salone del Gusto, evento mondiale dedicato al cibo buono, pulito e giusto e alle politiche alimentari.

L’edizione 2022 da giovedì 22 a lunedì 26 settembre presenta 600 produttori italiani e internazionali, ma anche 3000 contadini, allevatori e giovani attivisti provenienti da da 150 paesi che racconteranno la loro esperienza. Il programma è ricco di eventi e spazi espositivi per mettere in luce come il cibo possa essere una preziosa occasione di “rigenerazione”.

È proprio questo infatti il tema di quest’anno: “nel mondo vegetale, un albero mutilato di un suo ramo in breve tempo lo rigenera. E non di rado il ramo spezzato rigenera radici e si trasforma in pianta, se opportunamente interrato. La pandemia ha cambiato il mondo in cui viviamo, ha spezzato le relazioni tra le persone, tra le comunità. Le crisi che stavamo affrontando prima di Covid-19 si sono aggravate. In particolare si sono amplificate le emergenze sociali e le disuguaglianze. E il tutto è reso ancor più complesso dalla grave situazione geopolitica internazionale. Anche se a fatica, possiamo provare a vederci come un organismo vegetale che, in seguito a un evento traumatico, ha bisogno di nuove fronde e nuovo respiro. Possiamo avviare un processo di rigenerazione”.

Terra Madre 2022 propone molti contenuti online, ma anche eventi diffusi, attività, esperienze organizzate dalla rete in Italia e nel mondo, per chi non può viaggiare.

Quest’anno il cuore dell’evento sarà comunque al Parco Dora di Torino. Si tratta di un parco post-industriale situato nell’area di Spina 3, dove fino agli anni Novanta sorgevano i grandi stabilimenti produttivi della Fiat e della Michelin. Negli anni Cinquanta in quel punto la Dora fu interrata, ossia coperta da uba soletta di cemento armato per ricavare un deposito dei rottami metallici da destinare alla fusione per la produzione delle acciaierie. A partire dagli anni Duemila fu intrapresa un’azione di rigenerazione ambientale per ridare al fiume Dora la possibilità di scorrere liberamente.

In questo luogo fortemente simbolico si parlerà dunque di rigenerazione da molti punti di vista privilegiando un approccio (eco)sistemico e mettendo a fuoco ciò che  rappresenta l’alimentazione.

Spazi espositivi, incontri, attività didattiche si occuperanno di rigenerazione del suolo (agroecologia, orti, prati e lotta alla cementificazione e alle monocolture intensive); delle terre alte (borghi, pascoli, castagneti, mieli, formaggi, turismo); delle città (rapporto con le campagne circostanti, food policies, orti urbani); ma anche delle relazioni (forme di solidarietà legate al cibo, agricoltura sociale, economia di comunità, legalità e dignità del lavoro, ruolo delle donne).

Non c’è biglietto di ingresso. Saranno a pagamento solo eventi specifici acquistabili sullo store online di Terra Madre.

Orari: dal giovedì alla domenica dalle ore 10 alle 23, il lunedì dalle ore 10  alle 20,30.