05
Ven, Giu
31 New Articles

Priori di Sant'Antonio

Volontariato
F
Typography

Anche quest’anno il 17 gennaio la festa di Sant’Antonio Abate si è conclusa con la nomina dei nuovi priori: sono  Diego Amerio e Debora Tomasi che subentrano a Claudia Sacco e Renata Mirimin. 

A Nichelino, come in tutta la campagna piemontese, la ricorrenza ha radici assai antiche. Sant’Antonio Abate era considerato il patrono dei contadini e degli animali; ancora oggi, in occasione della sua festa, il parroco impartisce la benedizioni agli animali domestici sul sagrato. Nell’iconografia tradizionale il santo (un monaco vissuto in Egitto nel terzo secolo d.C) viene raffigurato con un porcellino accanto. I frati Antoniani infatti allevavano maiali dai quali tra l’altro ricavavano un unguento per curare alcune malattie.

Qualche anno fa in un ripostiglio della chiesa antica della Santissima Trinità è stata ritrovata una statua che inizialmente si pensava raffigurasse San Rocco, compatrono di Nichelino. Poi però è stato ritrovato anche il porcellino e dunque si tratta di Sant’Antonio Abate. La statua lignea, di pregevole fattura, traccia della devozione popolare  tramandatasi attraverso i secoli, è stata ricollocata in una nicchia dell’altare laterale.

Un grazie
La presidente Chiara Barberis ringrazia le priore uscenti, Mirimin Renata e Claudia Sacco,  per la donazione effettuata a favore della Scuola d’Infanzia San Matteo, in occasione della festa di Sant’ Antonio 2020.