26
Lun, Set
89 New Articles

Il 45° passa in piazza del mercato

Cronaca
F
Typography

Non tutti sanno che Nichelino si trova esattamente sul 45° parallelo, cioè alla stessa distanza (5.000 chilometri) tra polo nord ed equatore.

Qualche anno fa alcuni utenti di google map avevano provato a tracciare questa linea immaginaria pubblicando un’elaborazione grafica per cui il 45° nella nostra città passerebbe lungo l’asse di via XXV Aprile/largo delle Alpi.

Secondo i più precisi segnali Gps però il tracciato è da individuare spostandosi di qualche decina di metri più sud. Più in dettaglio la linea giunge a Stupinigi all’inizio del complesso di cascinali di viale Torino (Podere San Luigi), tocca uno spigolo delle nuove RSA in via Debouchè attraversando poi la Cascina Pallavicino (sede della Comunità Nikodemo), l’area degli istituti Maxwell ed Erasmo da Rotterdam e i campi sportivi dell’Hesperia.

Il punto più significativo in città è forse un tratto del piazzale Della Chiesa/via 1° Maggio dove si svolge il mercato del sabato. Toccando la Tenenza dei Carabinieri e il Circolo Polesano, la retta virtuale continua verso la Crociera tagliando via Torino all’altezza del distributore di carburante Q8. Continua la sua corsa all’incrocio tra via Po e via Cagliari, nei giardini pubblici di via Milano fino a varcare il Po sul ponte nuovo di Moncalieri.  Quest’ultima rivendica a buon diritto il titolo di “città del 45°” che passa proprio nel centro storico nel punto in cui si trova il complesso dell’ex Real Collegio costeggiando più avanti la collina di Testona. Infatti a Moncalieri al famoso parallelo è stato dedicato il centro commerciale 45° Nord, forse leggermente barando perché il sito in questione si trova ancora nella fascia del 44°.

In qualche località il curioso “evento” è stato segnalato con apposita cartellonistica. Vicino a Voghera campeggia persino un portale/arco a cavallo dell’autostrada Torino- Piacenza.

Tradizionalmente però la palma d’oro spetta immeritatamente a Torino, dove il 45° parallelo è celebrato con un obelisco geodetico nella centralissima piazza Statuto. Segna il punto in cui Padre Giovanni Battista Beccaria, matematico e fisico, effettuò importanti misurazioni che furono alla base di successivi progressi nella cartografia per definire meglio latitudine e longitudine. Attraverso calcoli trigonometrici Padre Beccaria stabilì un punto nell’odierna piazza Statuto; sul reticolo si sbagliò di 30 centesimi, comunque abbastanza lontano dal bersaglio, ma di sicuro non aveva con sé il telefonino con GPS...

B.C.