25
Sab, Set
78 New Articles

La scuola San Matteo si prepara a festeggiare i 150 anni

Iniziative
F
Typography
La scuola d’infanzia San Matteo di Nichelino compie 150 anni.
Nata nel 1866 come “Centro di Assistenza per l’Infanzia”, fu riconosciuta Ente Morale con Regio Decreto (emesso a Firenze, allora capitale del Regno d’Italia), a firma del Principe Eugenio di Savoia-Carignano con la controfirma del ministro Ricasoli.

Oggi la Scuola si propone fini di educazione, di sviluppo della personalità infantile, di assistenza e di preparazione alla frequenza della scuola dell’obbligo, integrando l’opera della famiglia.

Centocinquanta anni in cui la scuola è cambiata, si è sviluppata, è cresciuta insieme ai bambini che l’hanno frequentata. Per festeggiare questa importante ricorrenza e per vivere un’occasione di riflessione sul percorso di crescita di questa istituzione, il Consiglio di Amministrazione della Scuola Materna San Matteo, presieduto dalla signora Chiara Barberis, ha deliberato che l’obiettivo prioritario nel 2016 sarà la celebrazione dell’Anniversario, stabilendo che l’evento avrà luogo nei giorni 1 e 2 ottobre 2016.

Per l’occasione sono già state individuate iniziative celebrative: l’allestimento di una mostra fotografica commemorativa in collaborazione con il Foto Club 4CLIK, un’esposizione di quadri eseguiti da artisti dell’Associazione Borgo Vecchio, l’ammodernamento del giardino e dell’orto botanico, l’offerta di una bottiglia di vino commemorativa, la scelta di un nuovo logo… e tante altre ancora.

Nulla è lasciato di intentato per celebrare in modo adeguato questa Istituzione, che continua ad essere un punto di riferimento positivo per le famiglie nichelinesi, nonostante i profondi cambiamenti succedutisi negli ultimi anni.

Al centro ci sono, come sempre, i bambini. Dopo l’uscita di suor Giuditta nel 2008, non sono più presenti le suore delle Povere Figlie di San Gaetano, ma la Scuola continua ad ispirarsi ai principi cristiani su cui fu fondata.

Oggi la Scuola non è più un Ente assistenziale, ma un’Associazione indipendente (ex IPAB) iscritta al Registro delle Persone Giuridiche di Diritto Privato presso il Tribunale di Torino e dal 2001 ha ottenuto il riconoscimento di Scuola Paritaria dallo Stato. Aderisce alla F.I.S.M. – Federazione Italiana Scuole Materne.

La Gestione della Scuola Materna è demandata al Consiglio di Amministrazione, i cui membri rappresentano le diverse realtà e ne garantiscono l’autonomia (3 soci benefattori/coadiutori, il Parroco pro-tempore della Parrocchia SS. Trinità, 1 designato dalla Parrocchia SS. Trinità, 1 designato dal Comune ed 1 rappresentante eletto dai genitori dei bambini frequentanti). Tutti i consiglieri e il tesoriere sono volontari e prestano la loro opera gratuitamente.

Dal 2011 alla Presidenza del Consiglio di Amministrazione è stata eletta Chiara Barberis, che è succeduta al prof. Francesco Beninati, sulla scia di Giovanni Aliberti e Evasio Garavello presidenti che per un quarantennio sono stati l’immagine stessa della Scuola.

In questi ultimi anni gli interventi più significativi hanno riguardato la posa del tappeto erboso artificiale nel parco – giardino, la sistemazione del tetto piano, l’installazione della pensilina all’entrata e per ultimo l’istallazione dell’impianto fotovoltaico.

Inoltre sono state create alcune aule al piano superiore, installato un montacarichi, costruito gli uffici direzionali, sistemati la cucina e i locali di servizio e insonorizzato la sala mensa.                                                                                                                      

L’attività scolastica, seguita in prima persona dalla Presidente, è svolta dalle 15 dipendenti, che costituiscono il vero patrimonio della Scuola. La coordinatrice, la segretaria, le educatrici, le cuoche e le ausiliarie con la loro opera e disponibilità permettono di mantenere elevato il livello e la qualità del servizio offerto.

Gli indirizzi dell’attività didattico – educativa sono contenuti nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa e nella Carta dei Servizi, che consentono di indicare i traguardi da raggiungere in ordine all’identità, all’autonomia ed alla competenza.

Oltre all’attività didattico-educativa ordinaria ed ai laboratori sono previsti i corsi di Inglese e di psicomotricità, le uscite didattiche, l’assistenza psicologica e la medicina preventiva.

I bambini frequentanti sono 160, come vent’anni fa, di età compresa tra i tre e i sei anni; sono suddivisi in sei aule e per le ulteriori attività programmate possono usufruire di un ampio salone e del parco-giardino.

La Scuola è proprietaria dell’immobile in cui svolge l’attività. La sua situazione economico – finanziaria si mantiene equilibrata, anche se negli ultimi sei anni i contributi da parte della Pubblica Amministrazione si sono ridotti di circa un terzo (meno € 58 mila rispetto al 2010). I minori introiti sono stati stato compensati da maggiori contributi da parte dei genitori degli alunni.

Il momento attuale viene vissuto dagli amministratori con apprensione in quanto tarda ad essere rinnovata la Convenzione con il Comune di Nichelino, che sino al 31/12/2015 ha permesso a molti bambini nichelinesi di frequentare la San Matteo.

“Il carattere di questa scuola è e deve continuare ad essere popolare; i suoi servizi devono essere di ottimo livello ed accessibili a tutti”, andava ripetendo lo “storico” presidente Giovanni Aliberti. E questo resta l’impegno degli attuali amministratori.

Come in tutte le iniziative di qualità e durature nel tempo molto lavoro viene svolto "dietro le quinte". Le difficoltà affrontate, e per il momento superate, sono state innumerevoli e di diverso ordine: amministrative, organizzative e finanziarie.

Tutti quelli, che partecipano a vario titolo nella gestione hanno ben presente l’importanza che la scuola continua ad avere per il territorio di Nichelino. Gli stessi pensano che la comunità nichelinese debba essere riconoscente per il prezioso servizio prestato dalla Scuola Materna San Matteo ed impegnarsi affinché non venga meno la sua opera nell’educazione dell’infanzia.

G.B.