01
Dom, Ago
98 New Articles

Per la TV servirà un nuovo decoder?

Accade
F
Typography

A meno di una decina d’anni dal passaggio dalla TV analogica al digitale terrestre c’è in serbo una novità per i telespettatori.

Dal mese di settembre, salvo proroghe, parecchi televisori sono destinati a non funzionare più, perché sarà adottato un nuovo standard di segnale televisivo.

Non è così semplice capire se l’apparecchio che si ha attualmente  in casa sarà compatibile con il cambiamento delle caratteristiche del nuovo segnale, ossia il DVB-T2. Tendenzialmente i modelli commercializzati dopo il 2017 non dovrebbero avere problemi, ma non è escluso che televisori di fascia bassa e di marche minori non fossero ancora predisposti al diverso standard. Per i televisori più “vecchi” si può provare a consultare il libretto delle istruzioni, per vedere se da qualche parte è riportata la sigla DVB-T2, oppure sul web è possibile reperire consigli per eseguire preventivamente alcuni test, ma molto dipende dai vari modelli e dalle impostazioni.  Si può anche a provare  a sintonizzarsi sui canali 100 e 200, per  eseguire un test, ma non è detto che funzioni. Se attraverso il telecomando non se ne viene a capo non resterà che affidarsi al metodo più empirico: aspettare che entri in funzione il nuovo sistema e vedere cosa succede.

Se il televisore continuerà a funzionare, ok. In caso contrario si aprono due scenari: cambiare il televisore oppure acquistare un decoder esterno, come in molti avevano già fatto ai tempi del passaggio dall’analogico al digitale terrestre. La seconda soluzione è più economica, però con l’ingombro di uno scatolotto aggiuntivo e di un doppio telecomando con difficoltà di manovra nella selva di pulsanti.  Prima di rottamare il vecchio apparecchio è comunque consigliabile  provare a risintonizzare i canali, magari facendosi aiutare da un amico più esperto.

L’adozione del nuovo standard di trasmissione procederà di pari passo con la riorganizzazione delle frequenze assegnate alle vari stazioni televisive, per cui prossimamente dovremo in ogni caso effettuare la risintonizzazione dei canali.

Tra i vari “bonus” previsti dalla legge di bilancio 2021 c’è anche il bonus TV, fino a un massimo di 50 euro. Le famiglie con reddito Isee fino a 20 mila euro potranno adeguare il proprio televisore con un decoder o comprarne uno nuovo usufruendo di uno sconto.

Per il Piemonte il passaggio al nuovo standard al momento è fissato nel periodo dal 1° settembre al 31 dicembre