04
Mar, Ago
36 New Articles

Terremoto in Consiglio Comunale, l'assessora Ramello si dimette

Accade
F
Typography

Resta fluida la situazione politica a Nichelino, dopo il rimescolamento in Consiglio Comunale delle due coalizioni di centro sinistra che si erano fronteggiate nelle elezioni comunali del 2016.

Lì il gruppo guidato da Giampiero Tolardo (Lista D’Aveni, Partito Comunista e due liste civiche) aveva prevalso sulla coalizione di Franco Fattori (PD, Moderati, due liste civiche più l’appoggio di Rifondazione al ballottaggio).

Quest’estate però sei consiglieri (Camandona, Crimaldi, Ferrio, Melis, Olivieri e Rettegno), eletti nella coalizione di Tolardo, hanno annunciato il loro passaggio nel gruppo del PD, che li ha accolti. Inevitabile il bisticcio di parole: i sei della maggioranza sono diventanti maggioranza anche all’interno del gruppo di minoranza e di conseguenza il PD si è ritrovato in maggioranza. L’operazione ha ricevuto forti critiche da parte degli altri consiglieri eletti nella coalizione di Tolardo e ha innescato tensioni all’interno della Giunta, in particolare tra il sindaco e l’assessore Sara Sibona.

Chi resta all’opposizione? Sicuramente il Movimento 5 Stelle, pur se il quadro politico nazionale è mutato e ora al governo c’è l’alleanza con il PD …Come se non bastasse si è nel frattempo consumata la scissione di Renzi e questo ha già avuto qualche ripercussione anche a livello locale. Marco Coniglio, consigliere eletto in una lista civica sostenitrice di Fattori, ha aderito a Italia Viva e così ha fatto lo stesso Franco Fattori, mentre nel PD di Nichelino altri, ormai “ex renziani” come Salvatore Buglio e Carmen Bonino, sono restati nel partito.

Dopo un’estate tesa la seduta del Consiglio Comunale di ottobre è stata tutt’altro che tranquilla. Gabriella Ramello, assessora alle Politiche Sociali, ha annunciato le proprie dimissioni dalla Giunta. Francesca Polvere (lista civica pro Tolardo) passa al gruppo misto. In Consiglio Comunale si profilano altri cambiamenti all’interno dei raggruppamenti scaturiti dalle elezioni. A Nichelino il percorso di ricomposizione del centrosinistra, in vista del 20121, si preannuncia ancora lungo.