13
Gio, Giu
113 New Articles

La Nichelino dei tempi miei

Pillole di storia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

LA PIANOLA
- di Orazio Ottaviani -

 

Quand tirà da n'aso a-i rivava la pianola

cit e grand a 'ndasìo dacant,

antlura 'l musicant, a girava na manoja

e… din, din, ta, ra, ta, na mùsica sclin-a

cha rintronava 'nt orije e 'nt j'òss

a spantiava ij motivèt an vòga.

Mentre che tuti a scotavo estasià,

'd volte chèich cobia as buutava a balé

pēr pòchi centèsìm ël musicant

a vendia le cason stampà

e con un piatlin a pasava

a pijé la arconpensa

dël bonumor ch'a l'avìa portà.

Peui a tirava l'aso

che a tirava la pianòla

e a 'ndasìa pian pianin,

a fé na sunà an n'autra cuntrà.

Cust-sì a l'era 'l bunumor ambulant

ëd la gent dël Niclin al temp

che mi j'era na masnà.

Orazio Ottaviani

Traduzione

Quando tirata da un asino arrivava la pianola / piccoli e grandi andavano vicino, / allora il musicante girava una manovella / e... din, din... ta, ra, ta, una musica stridente / che rintronava nelle orecchie e nelle ossa / diffondeva i motivetti in voga.

Mentre che tutti ascoltavano estasiati, / qualche volta qualche coppietta ballava / per pochi centesimi il musicante / vendeva le canzoni stampate / e con un piattellino passava / a prendere la ricompensa / del buonumore che aveva elargito.

Poi tirava l'asino / che tirava la pianola / e se ne andava piano pianino / a fare un'altra suonata in un'altra contrada. / Questo era il buon'umore ambulante / della gente di Nichelino al tempo / che io ero un bambino.