17
Lun, Dic
78 New Articles

Municipio a colori

Pillole di storia
Typography

Questa cartolina del Municipio di Nichelino risale alla fine degli anni ’50 del secolo scorso.

Era stata realizzata con la tecnica della “vera fotografia” che gli conferisce la particolare colorazione (non si sa fino a che punto fedele ai colori originali). Si trattava in realtà di fotografie, realizzate con normali pellicole in bianco e nero, che venivano poi “colorate” in fase di stampa. Oltre alla tecnica di realizzazione, in auge per le cartoline prima dell’avvento delle moderne pellicole a colori e della stampa in quadricromia, alla datazione dell’immagine - sicuramente posteriore al 1957 - contribuiscono il modello e la targa (TO239823) dell’auto posteggiata davanti al palazzo comunale. Spiccano anche la rastrelliera delle biciclette e una sere di carrozzine per neonati parcheggiate nella piazzetta che era intitolata a Cesare Battisti (… il patriota italiano impiccato dagli austriaci nel 1916).

Due panchette sotto il porticato fungevano da sala d’attesa. Nel portone aperto, che si vede sulla destra, c’era l’ufficio postale. I numerosi comignoli stanno ad indicare che gli uffici erano ancora riscaldati tramite stufe. Un segnale di pericolo (filovia) indica la rete elettrica che alimentava il filobus lungo via Torino.

Negli anni ’60 l’edificio, che risale ad inizio Novecento, venne sopraelevato di un piano e nell’operazione andò perduto l’originale fregio architettonico che sovrastava la facciata. L’ultima ristrutturazione esterna risale agli anni ’70, quando il municipio venne tinteggiato e il Comune di Nichelino decise eliminate le imposte… non quelle sulla prima o seconda casa, ma le imposte di legno alle finestre.