17
Lun, Dic
78 New Articles

A Nichelino scuole sotto attacco

Quick News
Typography

Scuole e locali pubblici sono da tempo sotto tiro da parte di ladri e vandali. L’ultimo episodio è di una alla Scuola d’Infanzia Frank, ripetutamente presa di mira, dove i soliti ignoti hanno fatto razzia di qualche oggetto di valore e devastato i locali.

Stessa cosa ad inizio aprile alla primaria Don Milani dove sono stati prelevati tre computer e televisore. Sono tante le scuola tra Nichelino e Moncalieri, ma potremmo dire in tutta la cintura sud di Torino, che hanno subito furti e danni gravi a cavallo tra il 2017 e il 2018. Una vera e propria escalation che va proprio a colpire la scuola, uno dei luoghi più importanti nella formazione educativa di bambini e ragazzi, dei futuri cittadini. Non è andata meglio alla Piscina Comunale: qui i ladri hanno portato via 2.000 euro in contanti, forzando, sfondando e distruggendo porte, nonché arredi e attrezzature. Un po’ quello che è successo al campo sportivo di La Loggia, con furto persino dei defibrillatori e devastazione finale di armadietti e suppellettili.

E’ andata un po’ meglio al Teatro Superga, altro luogo storico di visite non gradite. L’antifurto questa volta ha messo in fuga i malviventi. Le modalità, notturne, sono, sempre le stesse così come probabilmente sono sempre gli stessi i criminali che compiono questi furti con scasso e devastazione. Al di là del comunque cospicuo danno economico colpisce l’accanimento nel vandalizzare aule e locali. «Chi ruba nelle scuole, toglie il futuro dei bambini. Sono gesti ignobili, che non hanno giustificazione», ha sottolineato dal pulpito il parroco della Santissima Trinità di Nichelino, don Riccardo Robella.

Questa lunga serie di furti, unita agli atti di vandalismo striscianti che spesso quotidianamente affliggono le nostre periferie, devono far riflettere e soprattutto far agire, partendo da una più diffusa attenzione e coscienza civica che deve iniziare da ciascuno; valga come esempio l’episodio del 9 aprile scorso quando, in via Moncenisio davanti alla scuola Manzoni, un gruppo di ragazzini ha versato due tanichette di gasolio sui cassonetti della raccolta rifiuti, appiccando poi il fuoco. Grazie alla segnalazione immediata dei residenti non ci sono stati ulteriori danni a persone o cose.

Anche se rimane la gravità dell’episodio, insieme ad una domanda. Da dove nascono tanta smania distruttiva e tanto disprezzo per le cose di tutti?