25
Gio, Mag
65 New Articles

"Teniamo aperto il Carducci!"

Lettere
Typography
Siamo stati convocati dai Dirigenti dell’area Istruzione e Servizi Scolastici e dai Responsabili dell'Ufficio Nidi: ci hanno comunicato
che dopo l’estate, il Nido Carducci, frequentato dai nostri bambini, non avrebbe più riaperto.

Il Nido “Carducci” è una struttura di eccellenza: con i suoi pannelli solari installati sul tetto, è considerato fra i più funzionali progetti di edilizia scolastica ecocompatibile, citato in diversi manuali di “Edilizia sostenibile”; si distingue anche a livello di servizi.

Un esempio dell’alta qualità educativa è il “servizio Mongolfiera”, in cui i bimbi dai 3 ai 36 mesi possono usufruire gratuitamente degli spazi del nido accompagnati da un adulto, divertirsi e imparare con attività e laboratori gestiti dal personale del nido. Un altro esempio significativo è “Nido per Te”, con orari flessibili per permettere ai genitori di far partecipare i bimbi all’educazione del nido senza che debbano frequentarlo continuativamente.

Tra le motivazioni che porterebbero alla chiusura del nido ci sarebbero la bassa affluenza complessiva di iscrizioni nei 4 nidi comunali e la diversa destinazione che l’Amministrazione prevede per il “Carducci”: una nuova ludoteca comunale, delocalizzando un servizio che invece ora si trova in prossimità del centro culturale della nostra città, la biblioteca.

L’alternativa propostaci è quella di trasferire i nostri bimbi nel Nido XXV Aprile, distante dal quartiere, dalle materna A. Frank e dalle elementari in cui i fratellini e le sorelline sono già inseriti.

Il nido territorialmente contiguo è il “Puccini”, gestito da una cooperativa, che parrebbe già al limite della capienza con il rischio per i bimbi di vedersi rifiutata l’iscrizione, creando un enorme disagio ai “genitori lavoratori”.

Colpiti da questa decisione, noi mamme e papà abbiamo fatto squadra, siamo scesi in strada e ci siamo attivati per far conoscere ai nostri “colleghi genitori” del quartiere e all’Amministrazione Comunale le nostre esigenze. Con sorpresa abbiamo scoperto che i servizi del Nido Carducci non erano conosciuti da tutti e che l’interesse ad usufruirne è elevato: molti sarebbero interessati a far frequentare il Carducci ai loro bimbi a partire dai 14 mesi, età minima di ammissione al nido.

Stiamo continuando ad investire il nostro tempo libero in questa attività di sensibilizzazione perché siamo convinti che l’Amministrazione possa riconsiderare questa decisione, dando valore al bisogno di crescita e inserimento dei bambini nella comunità e non solo con le mani sul portafoglio; d’altronde, quale migliore investimento si potrebbe fare se non nell'educazione dei bambini?

I Genitori del Nido Carducci