12
Mar, Dic
48 New Articles

Un angolo di Sardegna a Nichelino

Da vedere
Typography
Al Teatro Superga di Nichelino sabato 9 dicembre ore 20,30 il Circolo Culturale Gennargentu presenta “Sardegna tra ballo e danza” con il Gruppo Folk Antonia Mesina di Orgosolo.


Domenica 10 dicembre ore 10,30 nella chiesa antica di SS. Trinità “sa Missa Manna” in Limba Sarda”, celebrata da Don Egidio Deiana di Ardauli e animata dal Gruppo Folk Antonia Mesina di Orgosolo.

IL GRUPPO FOLK ANTONIA MESINA
"Il gruppo nasce nel 1992, da allora si cerca di portare avanti, con orgoglio, le tradizioni più caratteristiche e antiche del nostro paese, attraverso il ballo e la musica che da sempre ha caratterizzato il paese di Orgosolo.  Abbiamo aderito a numerose manifestazioni isolane quali la Cavalcata  Sarda, la sagra del Redentore (Nuoro) e tante altre non meno importanti.

In diverse occasioni il gruppo e` stato affiancato dal Tenore “Supramonte”, la collaborazione  ha esaltato maggiormente l’ aspetto folkloristico tradizionale, che anticamente utilizzava la melodia del tenore quale ritmo della ballata, suscitando maggiore interesse da parte del pubblico.

Non mancano alcune partecipazioni a raduni a livello europeo e mondiale. Inizialmente il gruppo era formato da giovani adulti che hanno proseguito con passione e impegno, per poi aver dovuto rinunciare per il sopraggiungere di impegni personali. Attualmente il gruppo é oramai rinnovato, con giovani la cui età parte dagli 11 anni.

Con la scelta del nome “Antonia Mesina” si volle esaltare la presona della beata Antonia Mesina, nata il 21 Giugno 1919 ad Orgosolo, uccisa il 17 Maggio 1935, a soli 16 anni, mentre si opponeva ad un tentativo di violenza sessuale, per questo la chiesa Cattolica riconosce in lei una martire della purezza. Venne beatificata da Papa Giovanni Paolo || il 4 Ottobre 1987.

Tutti i componenti esprimono con entusiasmo, interesse e dedizione le tradizioni folkloristiche, rappresentandole, con passione, nei vari palchi di tutto il mondo, auspicano di essere dei buoni tramandatori per le nuove generazioni".