25
Gio, Mag
65 New Articles

Alla Martiri torna il progetto Trinity

Iniziative
Typography
Anche quest'anno presso la scuola Martiri dell'Istituto Comprensivo Nichelino III sono partiti i laboratori “Trinity” di lingua inglese. Il Trinity College of London è un ente certificatore riconosciuto a livello nazionale ed internazionale per la valutazione e certificazione delle reali competenze comunicative in inglese.


Docenti e responsabili dell'Istituto Comprensivo ritengono assai importante questo laboratorio perché permette agli allievi di acquisire crediti formativi spendibili sia a livello europeo, sia nel proseguimento del percorso scolastico.

Spiega la professoressa Adriana Mollica, già accompagnatrice di gruppi di studenti nei soggiorni estivi nel Regno Unito e responsabile del progetto:  “la scuola registra ogni anno un altissimo numero di adesioni al laboratorio, per cui gli insegnanti curriculari sono chiamati a selezionare i ragazzi in base a conoscenze, volontà e predisposizione all'apprendimento della lingua. Prima dell'avvio del laboratorio, l'equipe della scuola, attraverso un confronto puntuale e attento, crea gruppi di lavoro omogenei che ogni settimana, per più di quattro mesi, si preparano con entusiasmo e serietà all'esame finale. Per sostenere tale esame gli allievi possono inoltre usufruire di tariffe agevolate poiché la Martiri ha acquisito lo status di Centro Registrato dal Trinity”.

Durante le giornate Trinity insegnanti madrelingua attestano il livello di comprensione della lingua parlata e la capacità di espressione orale, raggiunta dagli studenti e ne certificano il livello (da Grade 2 a Grade 4). “Si tratta di un'esperienza entusiasmante  - conclude la professoressa Mollica -  I ragazzi che sostengono il colloquio individuale, “one-to-one with an expert English examiner”, si esprimono in una lingua diversa dalla propria, mettono a frutto quanto appreso e soprattutto vivono un'esperienza autentica, fondamentale per il loro futuro percorso di formazione e di vita. Un primo, piccolissimo passo, attraverso il quale sentirsi cittadini del mondo”.