24
Lun, Apr
67 New Articles

Appartamento della Regina e parco storico all'antico splendore

Pillole di storia
Typography
Il percorso di visita della Palazzina di Caccia si arricchisce di due importanti tasselli
: l’appartamento della Regina e i giardini del cortile intermo. Entrambi sono stati riaperti al pubblico. L’appartamento della Regina, che era chiuso ai visitatori da tredici anni, è tornato all’originario splendore, grazie a un completo intervento di restauro su una superficie di 1.100 metri quadrati, durato otto mesi e curato da un’équipe di esperti. Anche questi lavori sono stati finanziati, con una spesa di circa 500 mila euro, dalla Fondazione CRT e realizzati in collaborazione con la Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino. L’appartamento della Regina è uno scrigno di opere d’arte. Formato da anticamera, camera da letto, gabinetto da toeletta, galleria di passaggio e salotto: all’ideazione e alle decorazioni lavorarono diversi artisti e abili artigiani del Settecento.

Nell’anticamera sono stati restaurati i pregevoli pannelli con le “vedute di paese” e le decorazioni alle porte, opera di Giuseppe Maria Bonzanigo. La volta, affrescata da Giovanni Battista Crosato con il “Sacrificio di Ifigenia”, è stata oggetto di un delicato intervento di ripulitura e ritocco. Nella camera da letto sono state integralmente restaurate la boiserie, le porte, la tappezzeria, il camino. gli stucchi del soffitto e il magnifico affresco, capolavoro di Carlo Andrea Van Loo, che raffigura il riposo di Diana tra le ninfe. Nel gabinetto di toiletta sono stati ripristinate le decorazioni, che erano gravemente danneggiate, realizzate da Giovan Francesco Fariano. Nella galleria sono tornati a risplendere i dipinti murali a trompe l’oeil.

Continua così l’impegno della Fondazione CRT nel recupero della Palazzina. Negli anni scorsi erano stati finanziati gli interventi che avevano reso possibile la riapertura del percorso di visita: le scuderie, il corpo centrale dell’edificio con lo splendido salone juvarriano, alcune gallerie e gli spazi espositivi nelle citroniere. Parallelamente l’impegno della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino aveva consentito il restauro della Sala degli Scudieri e delle tele del Cignaroli raffiguranti la caccia al cervo, oltre al reimpianto di 1700 pioppi cipressini sulle antiche rotte di caccia che caratterizzano il paesaggio di Stupinigi.

Il punto focale dell’imponente scenografia naturale, disegnata dallo Juvarra, è proprio il giardino interno alla recinzione della Palazzina dal quale si dipartono a raggiera i filari di pioppi e le rotte di caccia. L’impianto fu realizzato nel 1740 da Michel Bénard secondo i canoni del giardino all’italiana con vialetti delimitati da siepi di bosso e ligustro. A metà Ottocento il giardino venne modificato secondo il gusto romantico inglese. L’odierno intervento di sistemazione, durato due anni, ha riportato il giardino al disegno originario.