24
Ven, Nov
73 New Articles

"Per favore fate più figli!"

Grani di sale
Typography
Il grido desolato, pubblicato dai media finlandesi, è del giornalista e politico Antti Juhani Rinne che aveva letto una terribile tabella statistica circa il futuro demografico della sua Finlandia. Eppure quella Nazione è tra le migliori al mondo per far nascere e crescere i bambini. Qui i genitori non mancano di nulla. La “terribile statistica” ricorda ai finlandesi che il 2017 si concluderà con un tasso di natalità non superiore all’1,57 per coppia, cioè in forte calo. Non tanto quanto l’Italia che ha chiuso il 2016 con 1,34.
Accanto a noi italiani abitano i francesi che fanno leggi molto favorevoli alla natalità tanto da raggiungere i due figlioli per coppia; tuttavia anche i nostri cugini d’oltralpe tendono alle comodità individualistiche per cui il primato è già perduto.
E’ chiaro a tutti che un Paese senza bambini è una Nazione senza futuro. Se pensiamo che l’Italia ha il tasso di natalità più basso al mondo, non è complicato capire che la parola “finis” della sua popolazione storica è proprio dietro l’angolo.
Per colorire un po’ quello che vi sto dicendo vi ricordo che nel 2016 in Italia sono nati 100 mila bambini in meno e nei 12 mesi precedenti i non nati furono 92 mila… mentre gli aborti hanno sempre superato il numero dei nati. Vi offro ancora un ritratto plastico: ricordate il giubileo canoro di Vasco Rossi? In quell’occasione il grande prato scelto per l’evento fu popolato da 200 mila giovani! Ora immaginate quel prato con 100 mila persone in meno: sono i non nati del 2016 in Italia.
Perfino il capo della B.C.E Mario Draghi qualche giorno fa è intervenuto sulla questione dicendo: “Sia chiaro che se la natalità non si inverte, una crescita strutturale e duratura sarà una chimera. Tutto resterà compromesso, a cominciare dalle pensioni”.
Ci avviciniamo alle elezioni. Ci sarà qualche candidato con il coraggio di affrontare i temi della vita umana e della sopravvivenza di un popolo? Oppure questo discorso sarà ancora eluso per non danneggiare il consenso elettorale?
Allora, avanti con il divorzio, l’aborto, l’eutanasia e una bella vita singola…
E che Dio ci benedica!
P&N