26
Ven, Mag
67 New Articles

Web radio all'EnAIP di Nichelino

Società e cultura
Typography
La scuola non è solo il luogo in cui vengono “istruiti” i giovani, ma rappresenta un riferimento di vita sociale
, culturale, affettiva ed è maggiormente significativa se “forma” i suoi studenti attraverso esperienze connotate da un apprendimento non formale.

Il CSF EnAIP di via Polveriera 25 a Nichelino, in collaborazione con l’Azienda Sanitaria Locale ASLTO 5 e la Cooperativa Terra Mia, ha realizzato un’esperienza con studenti dell’ultimo anno dei percorsi triennali di qualificazione professionale sul tema della prevenzione dalle dipendenze. Hanno fondato la Web radio “Trip out” dando spazio al rap, come territorio musicale di sperimentazione vera .

«La scelta della radio - spiega la docente Enrica Moglia - ha consentito loro di trovare uno spazio esclusivo nel quale potersi esprimere in piena libertà sui temi proposti, con l’arricchimento di contenuti esperienziali, culturali e musicali. Questa esperienza ha consentito di riflettere sugli stili di vita nei contesti del divertimento. Il tutto è avvenuto con la creazione di un programma radiofonico attraverso la web radio».

L’attività Web radio “Trip out” è stata proposta con l’intento di favorire l’integrazione e la partecipazione di giovani adolescenti, con provenienza culturale differente, nel confronto su temi ricollegabili a forme di disagio giovanile. A ciascun allievo/a è stato chiesto di documentarsi sulle conseguenze di stili di vita propagandati come “attraenti” o soggetti a false verità fra i giovani. Per l’equipe dei docenti è stato importante motivare e sostenere gli adolescenti nel raccogliere informazioni e dati, maturare competenze sociali, misurarsi nel confronto evitando la superficialità di luoghi comuni. L’attività di prevenzione in questa esperienza ha significato ascoltare i bisogni di ciascuno per trovare insieme strade percorribili.

«In quest’ultimo periodo - raccontano i ragazzi del CSF Enaip Nichelino- insieme ad un importante musicista del panorama rap italiano, Zuli Zuliani, stiamo ultimando presso l’associazione Musicall Studios Torino i brani realizzati e composti durante gli incontri a scuola. Gli argomenti trattati nelle canzoni sono le dipendenze, la droga, i social. Non vediamo l’ora di metterle on line e di condividerle in rete. Attraverso la musica riusciamo ad esprimerci».